BAROCCO & BIJOUX

     

LINEA BAROCCO E BIJOUX
Abbiamo creato una linea interamente legata ad uno dei gioielli della nostra Sicilia: Noto. Saremo presenti nello Shop della mostra Chagall-Missoni all’Ex Convitto Ragusa e in alcune delle gioiellerie della nota cittadina barocca.

 

Nuovissimi Lapilli con i decori dei Carretti Siciliani

In arrivo per l’Estate nuovissimi Lapilli con i colori e i decori della nostra tradizione

Il carretto assume caratteristiche diverse a seconda della zona in cui viene prodotto.

Nel palermitano il carretto presenta sponde trapezoidali, una tinta di fondo gialla e decorazioni prevalentemente geometriche. I temi rappresentati sugli scacchi variano tra cavalleresco e religioso, realizzati nelle tonalità basilari del rosso, del verde, del giallo e del blu, le sfumature sono ridotte all’essenziale e la prospettiva bidimensionale. Spesso nel palermitano le balestre sono preferite alla cascia di fusu, intagli e pitture mantengono l’aspetto naif tipico del carretto siciliano.

Nel catanese le sponde sono rettangolari, la tinta di fondo rossa come la lava dell’Etna e gli intagli e le decorazioni si presentano più ricercati e meglio rifiniti, allontanandosi dallo stile semplice del palermitano per ricercare una raffinatezza maggiore. nelle produzioni più moderne i quadri contemplano la tridimensionalità prospettica, la gamma di tonalità si arricchisce e le sfumature e i chiaroscuri si fanno più incisivi.

Meno conosciuto è lo stile Vittoria, in cui il carretto presenta una struttura simile al catanese, riprende il rosso come colore di fondo, ma nelle tonalità si distingue per la sua caratteristica gradazione scura. Le pennellate, sia nei quadri che nelle decorazioni, sono caratterizzate da un tratto netto, “istintivo”, in contrapposizione alla ricercata pennellata sfumata del catanese.

Esiste anche uno stile trapanese, che però non ha raggiunto la stessa diffusione del palermitano e del catanese.

Tozzetti di Basalto dell’Etna Ceramicati “Glass Color”

Questi tozzetti in pietra lavica dell’Etna informi hanno uno spessore di 10 cm. Sono sottoposti a una prima fase di smaltatura e successivamente colorati e sottoposti a cottura. L’applicazione della graniglia di vetro dona loro lucentezza.